collare-antiparassitario

Come funziona il collare antiparassitario?

La protezione del cane dai parassiti è essenziale e rappresenta una delle regole che ogni proprietario dovrebbe seguire dal momento in cui prende un cucciolo; si tratta di una protezione fondamentale in quanto deve continuare durante tutta la vita del cane. Questi animali possono vivere in città, passeggiare nei giardini, nei boschi e in campagna, luoghi in cui è possibile trovare numerosi parassiti, come le zanzare, le zecche, i flebotomi e le pulci. In questi casi, si possono utilizzare diversi prodotti, tra cui il collare, il quale possiede una funzione a lento rilascio e offre una copertura di lunga durata dai quattro fino agli otto mesi. Il collare contiene principi attivi come la deltametrina e può essere utile nel caso di leishmaniosi canina, soprattutto nelle zone dove i pappataci, cioè coloro che veicolano la malattia, si sviluppano e colpiscono il nostro animale domestico. Il collare libera essenze dannose per il parassita ed impedisce il morso; oltre a questo prodotto, si può applicare la fialetta spot-on sul dorso del cane per garantire una protezione di circa un mese dai parassiti.
Durante il periodo estivo, si presenta un incremento del numero di pulci e di altri parassiti presenti nel terreno; per evitare che l’animale venga infettato o punto, si dovrebbero adottare alcuni rimedi per permettere di vivere in totale benessere. Un aspetto fondamentale che non deve essere sottovalutato è la vaccinazione del cane. I prodotti che si trovano in commercio permettono di allontanare ed eliminare zecche e pulci dal pelo del cane; esiste una grande varietà di articoli oltre al collare e alla fialetta: le gocce, gli spray, gli shampoo, i repellenti e le lozioni. I collari sono comodi in quanto possono essere indossati dall’animale senza fastidio per contribuire alla prevenzione dagli attacchi di pulci e zecche.

importanza-collare-antiparassitario

L’utilizzo del collare associato ai prodotti spot-on

La differenza tra il collare e il prodotto spot-on sta nel fatto che il primo libera principi attivi dannosi però è limitato per il corpo rispetto alla fialetta spot-on, che si può distribuire su tutto il corpo. Un morso di una pulce per esempio può irritare la cute e provocare malattie del sangue o della pelle. In estate, si consiglia di mettere il collare che può durare qualche mese rispetto ad una fialetta; l’utilizzo di entrambi i prodotti rappresenta una protezione completa per il nostro amico a quattro zampe. Si consiglia di consultare una figura professionale come il veterinario per avere le informazioni e le indicazioni necessarie; solitamente, un veterinario indica di utilizzare fin dall’inizio il collare, che si può applicare dai sei mesi in poi. Durante i primi mesi, si dovrebbero impiegare i prodotti spot-on.
Il collare può contenere differenti principi attivi che vengono rilasciati per allontanare e infastidire i parassiti in maniera lenta e graduale. E’ importante prestare attenzione al momento della scelta del prodotto e delle sostanze in esso presenti; il veterinario dovrebbe consigliare e indicare il principio attivo migliore per il proprio cane a seconda delle sue caratteristiche e delle sue esigenze. Si tratta di articoli sicuri, sottoposti a rigidi processi di controllo e a specifici test; non vengono consigliati durante i primi mesi perchè il cucciolo potrebbe rosicchiare il collare o impigliarsi. I principi attivi presenti possono essere i piretroidi, cioè i derivati sintetici del piretro, il quale è una sostanza estratta in natura dai fiori di crisantemo; un altro principio attivo diffuso è la deltametrina, la quale possiede un’azione neurotossica e può causare la paralisi degli insetti in un periodo di tempo breve. I collari hanno una misura standard, che si può regolare; si possono acquistare anche articoli differenti che si distinguono l’uno dall’altro in base alla taglia e al formato.