la-farina-di-kamut-contiene-glutine

Andando al supermercato è possibile notare che il kamut è ovunque: pasta di kamut, crostini di kamut, pane di kamut. Ma che cos’è in realtà? Perché le nostre nonne non lo usavano? E perché ha quel bollino strano di marchio registrato? Sono tante le domande che gli utenti online (ed offline) si fanno a proposito di Kamut ma una è particolarmente importante in quanto riguarda persone affette da Celiachia e quindi sottoposte a rischi alimentari... la farina di Kamut contiene Glutine? 

La storia del kamut

In realtà, il kamut, prima di esser conosciuto sotto questo appellativo, era conosciuto come grano Khorasan dal nome della regione iraniana Khorasan. Questo grano duro, detto anche Triticum turanicum, veniva coltivato sin dall’antichità nella regione della remota Anatolia. Ci sono molte storie riguardo alla sua origine, una tra questi racconta che alla fine della seconda guerra mondiale, un pilota americano ne portò una manciata a casa sua, nel Montana. Il Montana e gli stati uniti in generale ad oggi sono la patria del kamut.

Infatti, negli anni 70, è divenuto popolare grazie ad un agricoltore del Montana che decise di ricoltivarlo proprio negli Stati Uniti. Quest’agricoltore si accorse delle proprietà straordinarie del grano Khorasan. Infatti, risultava e risulta tutt’ora, un grano molto più completo dal punto di vista nutrizionale, ma anche più duro e più grosso rispetto agli altri cereali. Verso la fine degli anni 80 quest’agricoltore decise quindi di registrare il grano Khorosan sotto il nome di Kamut e fondò l’azienda Kamut International.

Se da un lato poteva sembrare una pura strategia di marketing, la registrazione del marchio è stata voluta proprio per preservare questo cereale, al fine di garantire gli alti standard qualitativi di questo antico chicco. Oggi, con l’acquisto di un prodotto col marchio kamut, sussiste la sicurezza di avere un prodotto di qualità, che non è mai stato ibridato e neanche geneticamente modificato, a differenza degli altri grani più comunemente utilizzati.

Il Kamut è quindi un grano antico, che rispetto al grano bianco, ha subito nel tempo meno selezioni e trattamenti. Il grano kamut è rimasto puro ed autentico. Infatti, presenta un contenuto nutrizionale molto più salutare e complesso. Contiene molte più vitamine e Sali minerali rispetto al grano bianco; la vitamina E ed il Selenio contrastano l’invecchiamento cellulare. Inoltre, sembra avere un’azione antinfiammatoria soprattutto al livello del sistema grasso-intestinale. Andiamo ora a scoprire se la farina di Kamut effettivamente contiene Glutine ed è, quindi, utilizzabile dai celiaci. 

kamut-e-glutine

La farina di Kamut contiene glutine?

Sfatiamo il mito una volta per tutte...si, la farina di kamut contiene glutine! Come altri grani antichi il Kamut possiede qualità e proprietà superiori al comune frumento, ma comunque non è adatto ai celiaci, poiché contiene glutine, anche se di qualità decisamente migliore risultando infatti più facilmente digeribile. Il grano comune ha acquisito una maggiore capacità di creare danno in concomitanza dei vari incroci che tipologie diverse di frumento hanno subito nel corso degli anni. Ciò ha determinato la comparsa di chicchi di grano con altissime percentuali di glutine che spesso possono risultare fastidiose anche per chi è sensibile al glutine. Da evidenziare ancora è il fatto che comunque contiene glutine e non va affatto bene per le persone che soffrono di celiachia (scopri qui se la farina di Kamut fa male anche ai non celiachi).

Risulta possibile invece affermare, che la farina di Kamut, come ad esempio anche quella di farro, risultino meno funzionanti nell’insorgere di problematiche ed intolleranze alimentari; ma questo rimane un fatto che deve essere appuratamene riscontrato a livello individuale.

L’utilizzo in cucina della farina di kamut

La farina di kamut è molto buona e profumata, e va bene per le preparazioni dolci e salate, inoltre si presta anche per ricette con lievitazioni molto lunghe. Si pone quindi come una valida alternativa alle farine tradizionali che sono sicuramente più lavorate e raffinate. E', inoltre, una farina bianca ed ipoglicemica risultando pertanto ideale per chi soffre di diabete, poiché abbassa l’indice glicemico del sangue. In ultimo, la farina di Kamut è particolarmente ricca di fenoli, di antiossidanti e carotenoidi, che attribuiscono ai chicchi di grano il tipico colore dorato.

Le maggiori quantità, più del 90%, di kamut ad oggi vengono coltivate negli Stati Uniti o in Canada. Infatti, il prezzo non proprio esiguo della farina di kamut è dovuto proprio a tutta la strada che deve fare questa farina per riuscire a raggiungere le nostre tavole. Tuttavia, oggi sono sempre di più gli agricoltori italiani che scelgono di coltivare questo grano, spesso non sotto il nome del marchio registrato kamut, ma come grano Khorasan.

Scopri tutti i prodotti a base di Kamut su ShopFarma24!