toelettatura

 

Come prendersi cura del proprio animale domestico

La toelettatura rappresenta un aspetto importante per l’igiene e la cura di un animale domestico; una buona parte dei padroni di cani decidono di ricorrere a servizi di questo tipo, come ad esempio la rasatura del pelo. E’ una pratica consigliata e adatta a tutti cani. Il pelo del cane costituisce una protezione per l’animale, un regolatore termico naturale che permette all’organismo di difendersi dal caldo e dal freddo; per questo motivo, bisogna prestare attenzione e comprendere se la rasatura risulta necessaria. Il manto allo stato naturale permette al nostro amico a quattro zampe di non raffreddarsi per una corrente d’aria o di non soffrire quando aumentano le temperature. La rasatura è necessaria in alcune situazioni specifiche, come per esempio quando si formano nodi di pelo dolorosi o quando si presenta una patologia della pelle. In ogni caso, si consiglia di consultare un veterinario di fiducia per capire come risolvere il problema.
La toelettatura dovrebbe essere curata ogni giorno: è importante spazzolare il cane anche brevemente, fargli capire come si deve comportare in questi momenti e premiarlo se si comporta bene. Un cane può essere lavato da un minimo di tre volte all’anno a non più di un paio di volte al mese. Lavarlo in modo eccessivo non è salutare in quanto può causare un indebolimento della pellicola di protezione che si forma sulla cute attraverso la secrezione delle ghiandole sebacee. Il manto rappresenta una barriera che difende il cane dagli agenti esterni, come i parassiti e i batteri. Una parte del corpo del cane molto delicata sono le orecchie, le quali devono essere pulite seguendo modalità diverse in base alla razza; i cani sviluppano facilmente l’otite, una malattia che può farlo soffrire e può cambiare il suo carattere. Un altro aspetto che non deve essere sottovalutato è la toelettatura di primavera poiché il mantello della maggior parte dei cani è più pesante in inverno e di conseguenza con l’inizio della nuova stagione sono necessari alcuni servizi di questo tipo.

cura del cane

 

La cura e la pulizia del nostro amico a quattro zampe

Quando si spazzola il cane, bisogna seguire la direzione in cui crescono i peli; se un’area è annodata o si incontra un groviglio, non si deve forzare con il pettine. Si possono sciogliere i nodi con le dita oppure con un tampone di balsamo per capelli per provare a pettinare il pelo coinvolto. Per quanto riguarda il bagnetto, si deve prestare attenzione e procedere piano piano. Il toelettatore segue alcuni passaggi precisi: innanzitutto, mette il cane nella vasca senza lavarlo per abituarlo, prova a spazzolarlo e a fargli sentire il rumore dell’asciugatore. Il cane si deve abituare all’acqua in modo graduale e senza bagnare alcune zone delicate come il naso. Quando arriva il momento di lavare il cane, si consiglia di massaggiare la superficie della cute con le dita per avvertire se sono presenti parassiti o lesioni sotto il mantello.
Si procede successivamente risciacquando il pelo, nel caso in cui il mantello sia folto si può utilizzare un passaggio con aceto bianco per togliere tutto lo shampoo. La pulizia del cane rappresenta un aspetto fondamentale che deve essere considerato e seguito con precisione; è necessario controllare il nostro amico a quattro zampe in modo completo: osservare le varie parti del corpo, dalle orecchie agli occhi, che devono essere pulite e sane. In ogni caso, si consiglia di prendersi cura del proprio cane, controllare e curare l’igiene e consultare la figura di un professionista come il veterinario per svolgere un intervento approfondito.