creatina-effetti-collaterali-cuore

La creatina non è altro che un amminoacido, ovvero un composto chimico organico, il quale deriva dalla guanidina. Si tratta di una proteina che è presente in tutti i muscoli  dove, unita ad altri elementi come il fosforo, costituisce un'ottima fonte di energia ovvero la fosfocreatina. Il legame che si viene ad instaurare risulta essere molto importante in quanto l'energia che si viene a creare, viene utilizzata nell'immediato dall'organismo nel momento in cui è necessario svolgere un compito che la richiede. L'energia ricavata dalla fosfocreatina e dall'adenosintrifosfato, in particolare, viene impiegata per effettuare la contrazione dei muscoli. Alcuni studi hanno dimostrato come la creatina aumenti la concentrazione, la capacità di ragionare, la capacità aerobica e quella anaerobica oltre a migliorare la capacità di resistenza durante le attività sportive.

Come funziona la creatina?

Per comprendere al meglio come la creatina contribuisca all'aumento del volume della massa muscolare, è meglio riportare qualche nozione di anatomia relativa alla struttura dei muscoli. Le cellule muscolari, al contrario delle altre cellule del corpo umano, sono caratterizzate da differenti nuclei ed il volume dei muscoli dipende, essenzialmente, dal numero di nuclei presenti all'interno delle cellule muscolari. Se paragonassimo le cellule muscolari al magazzino di un negozio potremmo dire che quanti più operai, ovvero nuclei, sono impiegati nel magazzino maggiore sarà la capacità di sistemare la merce e regolare gli ordini. La stessa cosa avviene con le fibre muscolari in quanto, se si vuole aumentare la massa muscolare di queste ultime, occorre un numero maggiore di nuclei. Occorre dire anche che i nuclei delle cellule derivano da cellule specializzate che si trovano intorno al muscolo: tali cellule prendono il nome di cellule satellite. L'aumento di queste ultime, pertanto, può comportare un aumento della massa muscolare. L'azione della creatina, infine, può essere paragonata a quella degli steroidi anabolizzanti: questi ultimi comportano l'aumento della massa muscolare anche a riposo, oltre al fatto che sono illegali. Possiamo affermare con certezza che la creatina è adibita allo stesso scopo e porta agli stessi risultati, con la differenza che quest'ultima è approvata e legalmente riconosciuta.  

come-funziona-la-creatina


Gli effetti collaterali e l'abuso di Creatina

Prima di parlare degli eventuali effetti collaterali della creatina occorre dire che qualsiasi sostanza se utilizzata in eccesso, oppure non seguendo le indicazioni del foglietto illustrativo, può portare effetti indesiderati. Nel caso della creatina è sempre più frequente, soprattutto tra i giovani, l'abuso di questa sostanza. Questo è sicuramente un atteggiamento sbagliato in quanto si può andare incontro a risvolti negativi per quanto concerne la buona salute di chi l'assume, ma anche dal punto di vista economico per via del costo di questo amminoacido. L'aumento della massa muscolare è dovuto, sostanzialmente, alla ritenzione dei liquidi a livello intramuscolare e questo non può portare ad altro se non alla ritenzione idrica ed alla disidratazione. Ciò può determinare un conseguente aumento del peso corporeo, cosa che non va bene qualora si debbano affrontare delle gare e durante le prestazioni fisiche in generale. La creatina, inoltre, se viene assunta in dosi elevate può provocare disturbi di tipo gastrointestinale quali, ad esempio, la dissenteria. Ciò avviene in quanto vi è un eccesso di creatina, la quale non è stata adeguatamente assorbita. In caso si abbiano problemi ai reni è sconsigliabile utilizzare la creatina, poiché tale composto organico non è compatibile con questo tipo di patologie. Se utilizzata in presenza di disidratazione e durante l'uso dei farmaci, la creatina può di gran lunga peggiorare la situazione già compromessa dei reni. 

Effetti collaterali al cuore della creatina

Il cuore non sembra essere un muscolo particolarmente esposto al rischio di essere compromesso dall'uso della creatina. In realtà, nel caso dei cuori particolarmente compromessi, come ad esempio coloro i quali soffrono di insufficienza cardiaca o di patologie a livello delle coronarie, la creatina sembra essere un valido aiuto. Tuttavia, è sempre bene ricordare che tali patologie debbano essere seguite con particolare attenzione da un esperto, soprattutto nel caso in cui si decida di sottoporsi a trattamenti integrativi a base di creatina. Sembra proprio che questo particolare amonoacido sia in grado di migliorare la gittata cardiaca, nonostante ciò sono in corso alcuni studi basati sul confronto tra creatina e altri farmaci utili contro le patologie del cuore, volte ad indicare quale sia il più efficace. Nei soggetti sani, invece, non sembra sortire particolari controindicazioni. Il consiglio è quello di non esagerare nelle dosi, di attenersi alla dose indicata nel foglietto illustrativo ( l'organismo necessita di circa 2 grammi di creatina al giorno) per evitare particolari controindicazioni.