come-si-usa-il-gomasio

Il gomasio, conosciuto anche come sale di sesamo o sale dell'est, è il condimento principale della cucina giapponese, nonché nella dieta macrobiotica, che prevede l'utilizzo esclusivo degli alimenti naturali. In Giappone, ma ultimamente anche in tanti altri paesi del mondo, viene usato al posto del sale per condire qualsiasi tipo di cibo a tavola, dandogli un sapore molto appetibile. Essendo un "alimento nuovo" non tutto sono in grado di usare quantità e dosi giuste e non tutti sanno effettivamente su cosa usarlo quindi...come si usa il Gomasio?

Che cos'è e come si usa il Gomasio?

Il gomasio viene impiegato anche come medicina naturale, grazie al suo potente effetto biochimico antiacido, che mille volte più efficace di alcuni medicinali a base chimica che hanno effetti negativi sull'organismo. Normalmente è possibile assumere tranquillamente da uno a due cucchiaini di gomasio direttamente dal palmo della mano e succhiarlo bene prima di deglutire: così facendo, è possibile rafforzare la digestione e migliorare immediatamente l'energia prodotta dal cibo nel corpo. E' possibile usare il gomasio per far tornare in sè una persona ubriaca e far sì che i suoi occhi tornino a mettere fuoco rapidamente: per raggiungere questo risultato, ne bastano uno o due cucchiaini.

L'importanza del gomasio della dieta alimentare

Se viene accompagnato a una dieta a base di cereali integrali, magari cucinati a cottura lenta, e legumi ricchi di ferro come le lenticchie, i fagioli e i ceci, il gomasio accelera la disacidificazione del tratto digestivo e migliora l'assimilazione del cibo. In questo modo, è possibile ridurre il rischio di anemia, ipoglicemia, sclerosi multipla e soprattutto tutti i disturbi infiammatori e le malattie che di solito sono dovute a una dieta eccessivamente acida

Il gomasio è usato anche per ridurre il rischio delle malattie generalmente legate al sangue, il che significa praticamente quasi tutte le malattie, incluse quelle molto diffuse come il diabete e il cancro. Quindi, introducendo quotidianamente il gomasio nella propria dieta alimentare, si ottiene un segreto chiave per una rapida guarigione naturale, senza sforzo, praticamente di qualsiasi problema di salute, poiché il gomasio cambia molto rapidamente la qualità del sangue. 

uso-del-gomasio

Per fare un breve esempio: una madre che allatta, mangia o beve qualcosa di acido e 5 minuti dopo il bambino inizia a piangere perché il suo latte è diventato troppo acido e gli sta procurando un doloroso mal di pancia, noto anche come colica. In questi casi, la madre assumendo il gomasio può disacidare rapidamente il suo sangue, e quindi anche il suo latte. Il bambino succhiando il latte disacidato, smetterà immediatamente di piangere perché il latte è tornato ad essere di una qualità alcalina facilmente digeribile.

L'importanza del gomasio nella cura delle malattie

La medicina occidentale non riconosce la disacidificazione del sangue come base della guarigione naturale, anche perché la maggior parte dei medici non ha mai sperimentato gli effetti curativi di sostanze come il gomasio. Quindi, è una grande sfida quella di far capire, ma soprattutto accettare questo dono naturale alle case farmaceutiche, le quali molto spesso sono purtroppo maggiormente interessate alla produzione e alla vendita dei loro medicinali, piuttosto che nel proporre una cura sana e naturale a coloro che sono affetti da malattie.

L'utilizzo del gomasio a tavola e la preparazione

Il gomasio è usato come perfetto sostituto del sale per alcuni piatti perché apporta un buon sapore ai pasti e riduce la quantità di sale necessaria. Questo "sale dell'est" viene utilizzato soprattutto nelle insalate e nelle zuppe, ma può anche essere usato per insaporire alcuni piatti principali come riso, pasta, verdure, legumi, carne o pesce. La proporzione corretta del gomasio a tavola è di un cucchiaio di sale marino non raffinato per ogni quindici cucchiai di gomasio. Per preparare il gomasio, tostiamo i semi di sesamo non ingrassati in una padella, girandoli con continuamente con un cucchiaio per evitare di farli attaccare tra loro o bruciarli (bisogna stare attenti perché possono aprirsi facilmente); quando saranno dorati, rilasciano il loro caratteristico odore di nocciola e quando ciò dobbiamo rimuovere i semi di sesamo tostati dalla padella. A questo punto, utilizzando un mortaio o Suribachi (mortaio giapponese), mescoliamo i semi di sesamo tostati con un cucchiaio di sale marino grezzo e li maciniamo insieme. Una volta preparato, possiamo conservare il gomasio in un contenitore ermetico e tenerlo in frigo, ma non dovremmo lasciarlo per più di cinque-sei giorni perché potrebbe perdere in termini di qualità e proprietà. È inoltre possibile acquistare il gomasio già preparato presso i rivenditori di cibi etnici, oppure online.

Scopri tutti i prodotti a base di Gomasio su ShopFarma24!