creme-solari

Le creme solari diventano un argomento di tendenza soprattutto quando si avvicina la bella stagione. Tuttavia è importante essere ben informati circa le loro caratteristiche non solo in questi pochi mesi, perché la protezione delle zone esposte del nostro corpo, come il viso, non è utile solo per la tintarella estiva, ma per tutto l'anno. Scopri in quest'articolo come scegliere le creme solari adatte alle specifiche esigenze della pelle!

L'importanza delle creme solari

In seguito ad esposizioni solari più o meno prolungate, soprattutto se reiterate e senza le dovute accortezze, i raggi UV, visto il loro elevato potere ionizzante, possono causare danni a livello cellulare. Questi danni si manifestano con i caratteristici segni di invecchiamento, come le anestetiche rughe. Possono presentarsi, subito dopo l'esposizione, bruciature ed eritemi molto dolorosi. Questo è solo uno dei motivi per cui è fondamentale scegliere la crema solare giusta per la propria pelle.

Tuttavia si tratta solo della punta dell'iceberg, perché sono manifestazioni di meccanismi cellulari che a lungo andare esitano in melanomi della pelle, i quali hanno spesso un decorso infausto. Le creme solari hanno una composizione che tenta di contrastare questi gravi danni, e lo fanno assorbendo chimicamente le radiazioni al posto delle cellule cutanee, così da diminuirne l'intensità entrante, o riflettendo fisicamente i raggi. Gli additivi aggiunti alla formulazione sono, invece, importanti per rendere il prodotto resistenze ad acqua e sudore. 

Come scegliere le creme solari

La crema solare deve essere scelta al fine di contrastare sia i raggi UVA che i raggi UVB, entrambi nocivi per l'organismo. Per tale ragione è importante accertarsi che nella composizione siano presenti sia i filtri chimici, che i filtri fisici, di cui abbiamo chiarito l'azione. I primi causano, in genere, un inquinamento maggiore, mentre i secondi sono ad impatto zero e sono sostanze quali il biossido di zinco o l'ossido di titanio, che resistono inalterati al sole. Tuttavia l'uno senza l'altro non è, da solo, in grado di agire in maniera ottimale. 

Un'altra scelta importante è relativa alla modalità di applicazione. Si distinguono creme con erogatori spray, che in genere sono meno corpose e non richiedono di essere spalmate, e i classici tubetti da spremere, che, invece, devono essere distribuiti su tutta la pelle. Mentre i primi sono sicuramente più versatili, e quindi adatti ai bambini che sono pronti a tuffarsi appena arrivano in spiaggia, il secondo tipo risulta leggermente meno pratico. Tuttavia spalmando personalmente la protezione si possono applicare degli strati più spessi che si associano ad una maggiore efficacia. Altro importante aspetto da considerare è relativo all'INCI nel suo insieme, e quindi anche agli additivi che vengono aggiunti alla formulazione; spesso infatti i soggetti dalla pelle più delicata, o che magari presentano allergie a nichel o profumi, potrebbero sviluppare reazioni avverse, e quindi è necessario accertarsi dell'assenza di questi componenti. La consultazione dell'INCI è importante anche per chi predilige prodotti eco-bio e vegan friendly, di cui c'è ormai una vasta scelta.

creme-solari

Cos'è il Fattore di protezione solare (SPF)?

Come visto sono tanti i parametri da considerare per accertarsi dell'afficacia di una crema solare, eppure il criterio di scelta si basa tante volte solo sul fattore di protezione solare. Senza ombra di dubbio si tratta di un valore da considerare, però talvolta è errato il significato che vi si attribuisce. Infatti il fattore di protezione solare non è indice della potenza del prodotto, bensì è in grado la durata dell'esposizione alla quale è possibile sottoporsi senza sviluppare eritemi. Si valuta calcolando il tempo richiesto per andare incontro ad un eritema senza protezione solare, e verificando quanto tale tempo si allunga quando invece si applica la crema solare. Ad esempio, se senza protezione bastano 10 minuti per sviluppare eritemi, con un SPF 10, ci vorranno 100 minuti, quindi 10 volte di più. Quindi nella scelta del prodotto più adeguato, questo fattore deve essere considerato alla luce della durata dell'esposizione, e non come sinonimo di potenza della protezione. 

 

Gli esperti consigliano di acquistare prodotti che abbiano un SPF da 30 in su. Per i soggetti con pelle particolarmente chiara, soprattutto nelle zone più delicate, è bene orientarsi anche su valori più elevati. 

Quando si acquista una crema solare è fondamentale porre attenzione alla data di scadenza. Infatti esiste un periodo prefissato, in genere dai 6 ai 12 mesi, oltre il quale il solare non presenta più efficacia. 
Per quel che riguarda i prezzi, la gamma è estremamente vasta, ed in genere cambiano anche in associazione al brand, che impiega componenti di derivazioni diverse, o che implementa la composizione con additivi che modulano la performance globale del prodotto.

Quel che si consiglia è scegliere il solare non tanto in funzione dei costi, quanto in funzione della reale adeguatezza alle condizioni nelle quali si deve utilizzare.

Scopri su ShopFarma24 tutti i prodotti per la protezione dai raggi solari!