benefici-della-crusca

La crusca è il guscio che racchiude e protegge i semi dei cereali. Fino a pochi decenni fa, veniva considerata come materiale di scarto perchè, attraverso il processo di raffinazione, veniva separata dalla farina, per cui veniva utilizzata come mangime per gli animali. Però i benefici della cusca sono tantissimi ed attraverso alcuni studi sull'alimentazione da parte di nutrizionisti, la crusca è stata rivalutata, perchè, grazie alle sue proprietà, è capace di prevenire o curare alcuni disturbi che presenta la società odierna. E' possibile trovare vari tipi di crusca ottenuti da cereali come avena, frumento, riso, orzo ed altri ancora. Per acquistare questo prodotto bisogna rivolgersi a farmacie, erboristerie o anche online su siti dedicati. E' disponibile sotto forma di compresse e fiocchi di crusca, che possono anche essere bolliti, filtrati e bevuti come se fossero tisane.

Proprietà della Crusca

Anche se con proprietà simili, la crusca si differenzia in base al tipo di cereale da cui proviene. Ad esempio la crusca di frumento è quella più ricca di fibre, quindi è particolarmente appropriata per chi soffre di stipsi. Al contrario la crusca d'orzo contiene la percentuale minore di fibre rispetto a tutte le altre. Inoltre, la crusca, in generale, ha un apporto calorico molto basso e contiene vitamine e sali minerali. Tra questi sono inclusi i gruppi di vitamine A, B, C ed E.

Mentre tra i sali minerali vi sono fosforo, magnesio, zinco, potassio, ferro, calcio, rame, acido folico, selenio e manganese. In aggiunta, la crusca, contiene anche antiossidanti che proteggono da malattie e radicali liberi. Dato che la proprietà principale di questo prodotto è la fibra alimentare, è importante introdurla poco per volta, magari aggiungendo un cucchiaino allo yogurt, al latte o a succhi di frutta e assumendo allo stesso tempo almeno due litri di acqua al giorno, per far abituare l'intestino al nuovo alimento. 

 

Benefici della crusca

Chi utilizza la crusca nella propria alimentazione, avrà molteplici benefici. La fibra contenuta che assorbe molti liquidi, permette la facile espulsione delle feci, rendendole più morbide, velocizzando il passaggio del tratto gastrointestinale e riducendo la pressione nell'intestino. Oltre ad essere di beneficio per coloro che soffrono di stitichezza, per gli stessi motivi previene le emorroidi e anche tumori al colon. Inoltre favorisce il funzionamento della flora intestinale.

L'assorbimento dell'acqua da parte delle fibre, causa un elevato senso di sazietà che è utile per chi combatte contro l'obesità o per chi vuole perdere peso. La crusca ha la capacità di assorbire anche grassi e colesterolo, evitando che si depositino nel corpo. Quindi è un'ottima alleata per chi soffre di colesterolo alto o trigliceridi. Aiuta a combattere anche il diabete senile, diminuendo la percentuale di zuccheri per evitare sbalzi della glicemia. 

Protegge lo stomaco, migliorando la digestione e prevenendo malattie come la diverticolite. Può essere una cura per persone che soffrono di bruciori di stomaco o ulcere perchè è in grado di eliminarne l'acido gastrico. La ricchezza delle vitamine, dei sali minerali e delle proteine, contrasta la stanchezza e debolezza, rigenerando l'organismo ed espellendo le tossine impure. Questo aiuta anche il sistema immunitario a combattere le infezioni batteriche. Addirittura uno studio che è stato pubblicato su un famoso giornale inglese, spiega che la crusca sia in grado di prevenire il tumore al seno nelle donne che sono in menopausa. 

La crusca è ottima anche per uso esterno, per la cura della pelle. Si può usare, insieme a del sale grosso, come scrub da passare sulla pelle mentre si fa la doccia. Oppure come maschera purificante per il viso, se mischiata con succo di limone e miele. O ancora per un impacco a mani e piedi, si può frullare la crusca insieme a mezzo avocado e olio di mandorle. Da non sottovalutare anche l'efficacia nel prevenire vene varicose, sempre con impacchi rinfrescanti.

Possibili interazioni negative 

Al di là dei benefici, anche la crusca, se assunta in modo sbagliato, può presentare delle controindicazioni o effetti collaterali. Prima di tutto, sarebbe opportuno accertarsi che il prodotto abbia origine biologica, così da evitare di ingerire gli agenti chimici e pesticidi presenti sui cereali. L'uso eccessivo di crusca, può avere l'effetto contrario dei benefici che favorirebbe. Potrebbe aumentare il gonfiore intestinale, dando luogo a flatulenza, coliti o addirittura irritare il colon. Non sarebbe opportuno, per le persone che soffrono di osteoporosi o che sono anemiche, assumere crusca, perchè potrebbe impoverire l'organismo di vitamine e sali minerali. Le purine, invece, possono creare problemi di salute, come calcoli renali, a chi è sensibile a questa sostanza. 

La crusca potrebbe interferire con l'assunzione dei farmaci, perchè riduce il loro assorbimento, infatti bisogna prenderli almeno dopo tre ore di distanza dopo aver usato la crusca. Le persone celiache devono prestare attenzione al tipo di crusca da mangiare perchè la maggior parte dei cereali contiene glutine. Solo la crusca di mais e quella di riso sono adatte per chi è intollerante al glutine.

Insomma, questo alimento, se usato con discrezione, potrebbe essere utile per curare e prevenire tante patologie che, a volte, con un'alimentazione equilibrata, non si riesce a risolvere.

Scopri la sezione dedicata alla Crusca su ShopFarma24!