argento-colloidale

L'argento colloidale rappresenta uno degli elementi naturali più utilizzati per innalzare le barriere antibatteriche ed antibiotiche dell'organisimo umano.
Grazie alla sua straordinaria composizione chimica l'argento colloidale è in grado di eliminare qualsiasi genere di agente patogeno, virale, batterico o fungino, smembrando la loro struttura cellulare.
Le sue proprietà benefiche erano in realtà note già alle antiche popolazione greche, romane o egizie. Anche in queste epoche lontane l'argento colloidale veniva impiegato a scopo medicale e per forgiare qualsiasi tipo di utensile da cucina. Questo perché era già ben nota la straordinaria qualità dall'argento, in grado di debellare infezioni e malattie.
Anche grandi nomi della medicina antica come Ippocrate, hanno sottolineato in numerosi scritti le sbalorditive qualità di questo elemento naturale. Basti pensare che alcuni studi clinici hanno dimostrato la sua capacità di contrastare ben 650 agenti patogeni delle più disparate nature.
Eppure l'impiego medicale dell'argento colloidale entrò in disuso agli inizi del 1900, a causa dell'ingresso nel mercato farmaceutico di nuovi prodotti innovativi come gli antibiotici. 

 

Negli ultimi anni si sta però assistendo ad una decisivo cambio di rotta che sta tornando a riconsiderare l'agento coilloidale come prezioso alleato per la cura ed il benessere dell'organismo. 

 

Integratori naturali per muscoli: l'argento colloidale può tornare utile?

 

La composizione dell'argento colloidale rende questo elemento naturale utilissimo anche come integratore naturale per muscoli o vitaminico. In commercio sono rinvenibili prodotti a base di argento sotto forma di gocce o spray. L'assunzione di argento colloidale per uso interno può avvenire solo previa prescrizione medica ed in Italia non è consentito. Discorso diverso vale per l'utilizzo esterno che può consistere nell'impiego di creme, spray per il naso o gocce per le orecchie.
La composizione dell'argento colloidale lo rende trasparente, privo di odori ed atossico. Anche se posto a contatto cn gli occhi non provoca alcun tipo di problematiche, risultando assolutamente innocuo. La sua atossicità lo rende sicuro e privo di qualsiasi effetto collaterale.

 

 

benefici-argento-colloidale

Quali patologie l'argento colloidale è in grado di alleviare e come può essere utilizzato


L'argento colloidale può risultare molto utile nel processo di guarigione di tantissime patologie. Tra queste è impossibile non citare influenza, raffreddori o sinusite. Negli ultimi due casi è in grado di liberare le vie respiratorie, eliminando in breve tempo i batteri che hanno causato l'infiammazione. Ma non finisce qui. L'argento colloidale riesce a diventare un valido alleato anche in caso di gengiviti o alcune patologie di natura oculare. 
Per ciò che riguarda l'uso esterno, sotto forma di creme e maschere è in grado di curare malattie della pelle come herpes o dermatite. E ancora, riesce ad alleviare i sintomi di patologie come artriti e diverse forme di dolori reumatici.
Risulta anche utile in caso di gastriti, cistiti ed alte patologie dell'apparato digestivo.
Dopo aver chiarito quanto sia esteso il campo d'azione dell'argento colloidale, è bene approfondire il discorso legato alle sue modalità d'impiego.

Solitamente va assunto diverse ore dopo i pasti ed i dosaggi, soprattutto quando si parla di bambini, vanno calcolati in proporzione al peso del paziente. Prima di assumere l'argento colloidale è sempre consigliabile rivolgersi al proprio medico di fiducia per un consulto a riguardo.
Può essere assunto in differenti modalità:
- per fare gargarismi in caso di problemi gengivali o per eliminare i batteri;
- può essere nebulizzato ed assunto tramite aerosol;
- applicato direttamente sulla cute sotto forma di crema è in grado di alleviare diverse patologie cutanee.
In commercio esistono poi garze e imbevute di argento colloidale, in grado di accelerare il processo di cicatrizzazione di piccole ferite. 

L'argento colloidale presenta controindicazioni? 

Come già chiarito nei precedenti paragrafi, l'argento colloidale non presenta particolari effetti collaterali, soprattutto in caso di uso esterno. Ovviamente se si è allergici all'argento il suo utilizzo è altamente sconsigliato.
Ciò che risulta essere importantissimo è non eccedere mai con le dosi. In questi casi (seppur rari) potrebbe insorgere una patologia nota come argiria, caratterizzata da un colorito grigiastro-bluastro della cute, difficile da curare. Occhio, dunque, a non esagerare mai con le dosi consigliate. 
Attenzione anche all'interazione tra argento colloidale e farmaci antibiotici, di cui potrebbe ridurre l'efficacia.